andrea cafaggi, fotocafa, toscana, tuscany
Home page galleria cafa... articoli contatti


LA COSTRUZIONE DI UN'IMMAGINE


Articolo precedente Home articoli


Gli articoli precedentemente trattati sono le basi per creare una corretta ed espressiva fotografia. Inutile dire però che la foto la fa il fotografo e non la macchina fotografica, dunque una volta spiegata la tecnica migliore per realizzare i vostri scatti in base a cosa state inquadrando, sta esclusivamente a voi creare una visione artistica del soggetto/paesaggio per trasmettere emozioni.

In questa sezione cercherò di riepilogare le principali caretteristiche per arrivare a scattare in maniera "pensata" le nostre fotografie, aggiungendo di tanto in tanto qualche piccolo utile suggerimento.


Iniziamo dal banale;

Come impugnare la nostra reflex
Sembrerà un argomento inutile e superfluo, ma quando sono in giro mi capita spesso di vedere persone che impugnano le macchina fotografica in maniera del tutto innaturale e assurda. Questo, oltre ad essere poco piacevole da vedere è anche e soprattutto nocivo ai nostri scatti. Infatti impugnando correttamente la nostra reflex ridurremo la possibilità che gli scatti risultino mossi o che un nostro dito finisca involontariamente tra la macchina fotografica e il soggetto... a chi non è successo almeno una volta?

Innanzitutto la fotocamera va impugnata saldamente con la mano destra, il pollice che poggia sul dorso del corpo macchina e ovviamente l'indice pronto sul pulsante di scatto.
La mano sinistra invece deve essere ben aperta e fungere da appoggio sia per il corpo macchina sia per l'obiettivo; le dita devono avvolgere delicatamente la ghiera dello zoom o della messa a fuoco.
Le braccia: i gomiti devono puntare verso il basso ed essere aderenti al busto.
Le gambe: meglio se prima di scattare le divarichiamo un po' in modo da avere una maggiore stabilità!

Inoltre scattando a mano libera sarebbe opportuno ricordarsi dei tempi di sicurezza.

Suggerimento

Se per esempio stiamo fotografando con una focale di 150mm sarebbe meglio non scendere sotto 1/150sec per evitare il mosso. Si deve però tenere conto che, se la nostra fotocamera monta un sensore APS-C e il fattore di moltiplicazione è di 1,5x, il tempo di sicurezza diminuirà a 1/225sec.

Suggerimento 2

Possiamo inoltre sfruttare tutto ciò che ci circonda; alcune volte è sufficiente appoggiarsi con la spalla al muro e trattenere il respiro per riuscire a scattare a mano libera con tempi più lunghi.

Suggerimento 3

Con i sempre più prestanti sensori che vengono via via montati sulle nuove fotocamere, e il conseguente aumento di megapixel (addirittura 36mp per la nuova D800) e quindi di dettaglio, è consigliato diminuire almeno di uno stop i tempi di sicurezza e sopperire all'eventuale mancanza di luce aumentando gli ISO. Quindi in termini pratici se sto scattando con un obiettivo da 200mm ad una sensibilità di ISO 800 e non voglio cambiare il valore di "f", per garantirmi un'immagine nitida dovrò scattare con un tempo di 1/400sec ed eventualmente aumentare gli ISO a 1600.


Usare i colori per creare contrasto
Questo argomento è già stato trattato nella pagina in cui parlo della luce, clicca qui se non hai ancora letto questo articolo o se vuoi rinfrescarti la memoria!




Da dove fotografare
L'angolazione da dove andremo a fotografare sarà fondamentale per la riuscita di uno scatto. Molto spesso è sufficiente abbassarsi un po' per trovare un punto di vista diverso, capace d'incuriosire lo spettatore e attrarre quindi la sua attenzione.

Suggerimento

Elevati o abbassati e usa una focale corta per creare interessanti effetti di distorsione dell'immagine.


Colori caldi e colori freddi
La prima cosa che dobbiamo tenere a mente è sempre la stessa: cosa vogliamo trasmettere con il nostro scatto?
I colori hanno una "temperatura" e si suddividono in caldi, freddi e neutri in base alle situazioni che richiamano alla mente. Se inquadriamo un bosco lussureggiante di abeti con una porzione di cielo e magari anche un lago, avremo un'immagine dominata dai colori "freddi" (blu, ciano, verde), che trasmetterà una sensazione di quiete, tranquillità.
Se noi invece fotograferemo un tramonto il nostro scatto sarà pregno di colori "caldi" (rosso/arancione, magenta, giallo) e conferiranno all'immagine un forte impatto emotivo.

La sensazione di caldo e freddo è quindi data dalla diversa interpretazione che il nostro occhio da a certi colori, abbinandoli a percezioni sensoriali. Es; il fuoco (rosso/giallo) il ghiaccio (blu/verde).

Suggerimento

I colori denominati freddi danno l'impressione di allontanamento.
I colori denominati caldi danno la sensazione di avvicinarsi.


Prospettiva e linee guida
Quando fotografiamo guardiamoci intorno per verificare se fosse possibile sfruttare elementi presenti che guidino lo sguardo verso il nostro soggetto, così facendo enfatizzeremo la prospettiva dell'intera fotografia.


chianti, colline, tramonto In questo caso ho cercato di sfruttare i fili di metallo che, illuminati dal sole in tramonto, creavano una perfetta linea guida in direzione del paesaggio.



Forme e motivi
Tutto cio' che ci circonda ha una forma, armoniosa o meno, che può essere sfruttata per movimentare una foto o, perchè no, fare da cornice al soggetto principale. La luce inoltre tenderà a smorzare oppure esaltare la forma di ogni oggetto, quindi sta ancora a noi decidere quando e come fotografare per riuscire a sfruttare al massimo ogni caratteristica. sedie



Congelato o mosso?
Scegliete voi!!!

Effetto panning.
Effetto congelato.


Articolo precedente Home articoli