andrea cafaggi, fotocafa, toscana, tuscany
Home page galleria cafa... articoli contatti





Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX




Una lente zoom costruita appositamente per il formato DX dal range focale molto interessante, che permette di passare dalla fotografia paesaggistica ai ritratti passando per i reportage. Un perfetto tuttofare arricchito dalla possibilità di passare al focus manuale semplicemente girando la ghiera grazie al sistema M/A-M, inoltre ha integrato l'ottimo sistema VR di seconda generazione con l'opzione Normal-Active, che permette di scattare riducendo ulteriormente le vibrazioni anche da mezzi di trasporto come auto o piccole barche.

Come al solito vediamo le sigle che caratterizzano quest'ottica:

E' il classico obiettivo tuttofare estremamente versatile, contenuto nelle dimensioni e nel peso, ma ahìme non nel prezzo. Circa 500 euro, non poco considerando che stiamo parlando di un'ottica specifica per corpi con sensore APS-C. Oltretutto non si può certo dire che sia un obiettivo particolarmente luminoso e la qualità costruttiva sembra essere un po' economica, soprattutto una volta girata la ghiera dello zoom, dove si ha la netta sensazione di mancanza di fluidità.




Specifiche tecniche Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX

Lunghezza focale 16-85mm
Lunghezza focale equivalente su sensore APS-C 24-127,5mm (1,5x Nikon) / 25,5-136mm (1,6x Canon)
Minima distanza messa a fuoco 38 cm
Angolo di campo su sensore Full-Frame 84 - 19,3
Lamelle diaframma 7
Costruzione ottica 17 elementi in 11 gruppi
Massima apertura diaframma f/3.5 - f/5.6
Minima apertura diaframma f/22 - f/36
Rapporto di riproduzione 1:4.6
Motore Autofocus Motore SWM ad anello
Full Time Manual Focus Si
Stabilizzazione Si tipo VRII - circa 4 stop
Diametro filtri (Ømm) 67mm
Dimensioni Diametro per Lunghezza (Ømm) 72mm x 85mm
Peso 490g
Compatibilità moltiplicatori No



Test qualità d'immagine

In questa prova ho montato il Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX su Nikon D90 avente sensore APS-C da 12mpx. Tutti gli scatti sono stati effettuati con la fotocamera montata su cavalletto, ho attivato l'esposizione posticipata per ridurre al minimo le vibrazioni, ho utilizzato poi un telecomando con filo. Tutte le immagini di questo test non sono state ritoccate in nessuna regolazione (saturazione/contrasto/ecc...) tramite software e sono tutti crop al 100% ottenuti direttamente dal file grezzo RAW.
Ho scattato la stessa foto cambiando soltanto il valore del diaframma. La distanza dal soggetto è di circa 38cm.



Focale 16mm
Centro del fotogramma Angolo del fotogramma
f/3.5
f/5.6
f/8
f/11
f/22

Buona qualità sia al centro sia gli angoli già alla massima apertura, raggiunge il massimo intorno ad f/8 fino ad f/11; successivamente la qualità diminuisce per effetto della diffrazione. Ottima la luminosità su tutto il fotogramma. Le aberrazioni cromatiche invece sono molto evidenti agli angoli, ma correggibili senza grossi problemi.



Focale 24mm
Centro del fotogramma Angolo del fotogramma
f/4
f/5.6
f/8
f/11
f/22

A 24mm la nitidezza è ottima la centro praticamente a tutti i diaframmi, fino a f/11, successivamente la diffrazione fa sentire i suoi effetti. Agli angoli invece la qualità è pessima, oltre ad evidenti aberrazioni cromatiche, non si ha una nitidezza decente fino a f/11. Ho riscontrato questo fenomeno soltanto a questa focale.



Focale 50mm
Centro del fotogramma Angolo del fotogramma
f/5
f/8
f/11
f/22
f/32

A questa focale le immagini prodotte sono molto equilibrate, sia come luminosità sia come nitidezza fino al diaframma più chiuso, f/32. Soltanto alla massima apertura agli angoli l'immagine tende ad essere più morbida e meno luminosa.



Focale 70mm
Centro del fotogramma Angolo del fotogramma
f/5.6
f/8
f/11
f/22
f/36

Anche in questo caso la definizione al centro del fotogramma è molto buona fin dal diaframma più aperto, anche ad f/22 la qualità continua ad essere buona. Agli angoli l'immagine mostra aberrazioni cromatiche più evidenti e ovviamente una minore nitidezza.



Focale 85mm
Centro del fotogramma Angolo del fotogramma
f/5.6
f/8
f/11
f/22
f/36

Alla sua massima estensione focale l'immagine la centro è ottima fino a f/11, successivamente tende ad ammorbidirsi. Anche agli angoli la qualità non è male anche se sono evidenti le aberrazioni cromatiche e un effetto soft.




Test colori e contrasto

Nelle prossime immagini avrete modo di verificare la capacità del Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX, abbinato alla Nikon D90, nel riprodurre colori e contrasto. Ho scattato una fotografia ad un soggetto molto colorato e ve lo voglio proporre sia nella versione "originale", sia in quella "elaborata". Come elaborazione ho solamente dato un colpo di auto in Camera Raw e ho poi effettuato un leggerissimo sharpening.

Originale Elaborato
Ritaglio di fotogramma
Crop 100%

I colori prodotti da questo obiettivo abbinato alla Nikon D90 sono buoni, le immagini prodotte sono ben contrastate e i colori, per rendere al meglio, necessitano soltanto di una leggera correzione in postproduzione.




Test stabilizzatore

In questo test voglio verificare quanto riesce ad essere efficace il sistema di riduzione delle vibrazioni VR utilizzato da Nikon. La casa lo dichiara capace di sopperire addirittura a 4 stop. Ho scattato a mano libera la stessa foto allungando ad ogni scatto il tempo d'esposizione di uno stop.
Le immagini sono crop al 100%.
La focale è di 85mm.

1/80sec
1/40sec
1/20sec
1/10sec
1/5sec

Lo stabilizzatore di casa Nikon fa egregiamente il suo lavoro permettondo di scattare a mano libera alla massima estensione focale fino a 1/5sec senza grossi problemi.




Test sul campo

Vediamo come si comporta in campo aperto il Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX.

Focale 50mm crop 100% raw Focale 85mm crop 100% raw

La versatilità di questo obiettivo zoom è eccezionale, non è pesante e ben bilanciato su corpi macchina come la D90 sulla quale l'ho provato. L'unica cosa che non mi ha convinto è il dettaglio ottenuto nella messa a fuoco infinito un po' a tutte le focali. Per comodità, ne ho riportate due soltanto, ma posso garantirvi che si ha lo stesso effetto anche a focali più corte.




Test vignettatura

16mm 85mm
f/3.5 - 5.6
f/8
f/16

Per quanto riguarda la vignettatura possiamo dire che è evidente alle massime aperture del diaframma, ma principalmente alla focale di 16mm, mentre via via che allunghiamo la focale diventa un fenomeno sempre più trascurabile.




Test su effetto Flare e purple-fringing

Vediamo adesso come questo Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX se la cava in situazioni di luce critica. Ho montato la fotocamera sul treppiedi e ho scattato a diverse aperture. Ecco i risultati:



Focale 16mm
Flare Purple-franging
f/3.5
f/8
f/16
f/22

Le aberrazionei cromatiche del tipo purple-franging sono evidenti a tutte le aperture, ma in postproduzione è possbilile rimediare con un po' di pazienza regolando gli appositi comandi. I flare cominciano a dare fastidio da circa f/8 e appaiono come palle di luce intensa con aloni più o meno estesi. In questo caso non sarà molto semplice toglierli del tutto.




Test Distorsione

In questa prova ho semplicemente fotografato un soggetto che avesse delle linee rette e parallele (l'armadio di camera :-)) per verificare la distorsione che il Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX produce al suo massimo angolo di campo.



Focale 16mm
Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX

Ok la foto è veramente storta.... purtroppo non mi sono accorto al momento dello scatto e adesso non ho più l'ottica per rifare lo scatto, chiedo scusa :-(
Comunque la dostorsione a 16mm è decisamente marcata, ma anche in questo caso con un po' di pazienza è possibile porre rimedio in postproduzione, tanto più che in Camera Raw è possibile inserire il comando che in automatico riconosce il tipo di ottica e successivamente corregge le aberrazioni.




Impressioni

Utilizzare il Nikon AF-S 16-85mm f/3.5-5.6 G ED VR DX è stato un piacere. Questo perchè, come ho già detto in precedenza, è molto versatile ed è possibile trovare il giusto punto di ripresa a prescindere dalla tipologia di foto che avete intenzione di scattare. La nitidezza è molto buona alle brevi distanze, ma ho trovato una sorta di impastatura (scusate il termine poco tecnico) mettendo a fuoco su infinito. Ho fatto presente questa anomalia all'amico che mi ha prestato l'obiettivo e mi ha confermato che anche a lui dava proprio questa impressione, tanto che l'aveva mandato in assistenza per farlo controllare. L'assistenza ha negato qualsiasi anomalia affermando che l'ottica era perfetta.



Home articoli Torna su